Allegra è costretta a letto con il pancione e architetta una sottile vendetta…

ALLEGRA
I primi mesi di gravidanza sono trascorsi nella totale incoscienza, in un’aria di gioia incontenibile.

Passati i primi 3 mesi, ho stupidamente creduto che tutte le difficoltà fossero superate. Come dire, gravidanza conquistata e touchdown segnato.!Porca miseria, non è così! Una piccolissima perdita di sangue e l’ordine perentorio di mia madre di infilarmi subito a letto mi risvegliano bruscamente dal mio sogno ad occhi aperti.

Telefono allo sciamano che mi tiene in cura. Ma che mi può mai dire questo santone naturalista? Un’aspirina, ovvio!

Per fortuna mia e della creatura che si sta assemblando ignara, aggiunge un paio di siringhe di ormoni ad hoc. Ma giusto un paio, ché madre natura non gliene voglia per questo piccolo strappo! L’indicazione comunque è di aspettare gli eventi. Ma quali eventi? E io che faccio intanto?

Così per distrarre il cervello che ormai viaggia a mille, metto in croce l’amato coniuge che è decisamente meno propenso ad immolarsi sull’altare del sacrificio domestico. E io me la godo un sacco!! davvero un sacco!

Passiamo e spaziamo dalle canoniche faccende domestiche, ivi compresa la spesa alimentare quotidiana, agli straordinari.

(comodamente sdraiata in poltrona)

  • Mi porti il telecomando della tv, per favore?

(stravaccata nel lettone)

  • Una gentilezza, caaaaaaaro, ho tanta tanta sete, ma non voglio acqua,… magari una spremuta d’arancia andrebbe meglio…

(dal divano del salotto)

  • … scusa, mi dai il plaid che è sul letto?

Ma la parte migliore è la cena:

  • Non hai portato il pane!

  • Il sale?

  • Mi è caduta la forchetta, me ne prendi una pulita?

Lo confesso c’è un’aria di divertita vendetta. L’unica parte goliardica di questo periodo snervante e angosciante. Almeno fino a ….

  • Che diamine è questo pastrocchio bianco?

  • E’ riso, tesooooooro! – risponde garrulo l’amato coniuge.

  • Ma come l’hai fatto?

  • Ho preso la pentola, l’ho riempita d’acqua, ci ho versato il riso e ho acceso il fuoco – risponde con lo stesso sguardo di panico che hanno i concorrenti a Master Chef!

  • Ma per quanto tempo l’hai cucinato? – domando atterrita…

  • L’ho messo su alle 7 circa… ora sono le 8… 

Cracco lo avrebbe ucciso, io anche!

Che posso fare? adda passa’ a nuttata!!

E secondo voi? 🙂

Se ti va, lascia direttamente un commento con il tuo profilo Facebook

Lascia un commento