Come apparecchiare la tavola per una cerimonia: i consigli fai da te di Allegra!

Come apparecchiare la tavola, e la casa, per una cerimonia: i consigli fai da te super economici di Allegra! Dalla tovaglia, ai segnaposti, ai piatti, alle bomboniere, tutte le soluzioni più pratiche, ma anche tanto vivaci e colorate!

E’ arrivato il fatidico giorno. Abbiamo religiosamente compiuto (io, l’amato coniuge un po’ meno) gli incontri nella parrocchia sotto casa. Tutti i cucciolotti verranno battezzati.

Sorvoliamo sul difficilissimo accordo via whatsapp con la pletora genitoriale per l’abitino che i battezzandi dovranno portare; dramma scatenato dal parroco che, giustamente, ha preteso una mise non da passerella e possibilmente similare per tutti i battezzandi.

Passiamo pure sopra sulla necessità di approntare vivande e abbeveraggi sufficienti a sfamare tutta al “sacra famiglia riunita”.

Diamo per assodato che si siano approntate le famigerate bomboniere, contemplando un ragionevole equilibrio tra il caro-vita e usi e costumi inveterati.

Prendiamo di default l’aver già assolto a tutti gli approvvigionamenti necessari per la grande festa con prenotazioni sparse nei supermercati limitrof. Risolto anche il problema ‘chi cavolo ce la fa a cucinare per un esercito’ avendo appaltato alla stragrande maggioranza dei parenti le principali pietanze.

Resta sul tavolo (è proprio il caso di dire) l’ultima e terrificante vicenda: apparecchiare la tavola!

Alla voce “apparecchiare”, con scatto fulmineo, sento la porta chiudersi alle mie spalle. E’ l’amato coniuge, padre inconsapevole della nostra creatura, che se l’è data a gambe levate, adducendo una trafila di adempimenti assolutamente improcrastinabili. Ovvio no?

Così resto io, la tavola, il salotto, il giardino e quattro tovaglie, gentilmente donatemi dalla mamma, e provenienti dal suo personale corredo di cinquant’anni fa.

La necessità aguzza l’ingegno!

Come apparecchiare la tavola da cerimonia

Come me avete un invito importante con un numero indecente di ospiti? Tranquille, rimboccatevi le mani e con un po’ di fantasia e pochi spiccioli, metterete su la più bella tavolata di sempre.

  • Per la tovaglia: avete approntato un lungo tavolo rettangolare? Utilizzate lenzuola matrimoniali a tinta unita come fondo e abbellite con le tovaglie più piccole sistemate nella prospettiva romboidale. Lo stesso vale se avete un tavolo tondo: in questo caso provate ad unire insieme i lembi del lenzuolo in modo da dare l’effetto di una gonna a palloncino al piede del tavolo.

  • Per i segnaposti: avete deciso di optare per un pranzo o una cena seduti? Nessun problema! Nel tavolo rettangolare ai due capotavola saranno seduti i padroni di casa e via via, accanto, tutti gli altri tenendo conto del grado di parentela e dell’anzianità. Occhio ad alternare, se possibile, maschi e femmine. Potete realizzare i segnaposti facilmente con tovaglioli di carta di vario colore, arrotolati a forma di corolla di fiore (su internet trovate mille spiegazioni e video). Al centro, un bastoncino per spiedini con infilzato il cartoncino con il nome.

  • Non avete piatti a sufficienza o non volete lavarne tanti dopo il pranzo? Utilizzate piatti di carta per le pizze (in tono con i tovaglioli se possibile) come sottopiatto e alternate sapientemente il piatto piano di carta colorato con il patto fondo di ceramica (soprattutto se la prima portata è calda). Accanto, il piattino degli antipasti, di carta ovviamente.

  • Volete risparmiare sulla confezione delle bomboniere? Perché continuiamo a volerle “inscatolare” se è possibile evitarlo? Con un bel nastro coordinato e magari un fiorellino, le porgete direttamente ai commensali. E i confetti? Tovagliolini di carta colorati e una ricca pirofila fonda con un bel cucchiaio da portata, e il gioco è fatto!

Basta un po’ di fantasia e tanto tanto colore e tanti tanti fiori sparsi per tutta casa! Insomma, in tempi duri, tutto si può rendere più facile ed economico. Ditemi come è andata a voi e vi dirò se sono sopravvissuta io. 

Vi abbraccio, e alla prossima

Se ti va, lascia direttamente un commento con il tuo profilo Facebook

Lascia un commento