padelle antiaderenti in pietra

Padelle antiaderenti: come sceglierle e come mantenerle sempre nuove!

ABC Elettrodomestici
novembre 21, 2018

Le padelle antiaderenti sono un pezzo fondamentale della batteria di pentole di tutte le cucine, anche di quelle di chi non ama troppo cucinare…

Le padelle antiaderenti permettono di cuocere i cibi senza olio né altri grassi, o perlomeno, utilizzandone pochissimi. Per questo sono così amate e considerate imprescindibili per una cucina salutare.

Padelle di questo tipo assicurano una cottura uniforme, sicura e veloce. In vendita se ne trovano di tantissimi tipi e di tutte le misure, ma i rivestimenti più diffusi per le padelle antiaderenti sono il Teflon, la ceramica e la pietra.

LEGGI ANCHE: Piano cottura: le 5 cose da sapere prima di comprarlo

Padelle in Teflon

Forse è il rivestimento delle padelle antiaderenti più diffuso e più conosciuto. Le padelle in Teflon sono economiche garantiscono una buona antiaderenza e si scaldano velocemente in rapporto al loro spessore. Il Teflon è stato inventato circa trent’anni fa e da allora si è diffuso come materiale per rivestire pentole e padelle.

La qualità delle padelle antiaderenti di questo tipo dipende soprattutto dal numero di strati di Teflon che le rivestono. Più il rivestimento è spesso, meno si scalfisce, e soprattutto, meno il cibo si attacca!

In caso di graffi profondi sul Teflon meglio buttare la padella, perché se emerge l’alluminio sottostante non garantisce più l’antiaderenza. Inoltre, scaglie di Teflon potrebbero staccarsi e finire nel cibo.

Le padelle antiaderenti in questo materiale resistono fino a circa 300 °C. Un calore più elevato le danneggia irrimediabilmente. Non grattate il fondo con la lama dei coltelli o con raschietti: usate solo mestoli di legno e spugne morbide per lavarle.

LEGGI ANCHE: Manutenzione della macchina del caffè: 10 consigli per farla durare più a lungo

Padelle antiaderenti in ceramica

Le padelle antiaderenti con rivestimento in ceramica si sono diffuse soprattutto negli ultimi anni. I loro vantaggi sono tanti: facili da pulire, hanno una buona antiaderenza, resistono alle alte temperature (fino a 400 °C),  si scaldano subito e si graffiano difficilmente.

Inoltre, sono realizzate in materiali sicuri. Spesso hanno esteticamente un tocco vintage che non guasta anche nella cucina più moderna!

Per cuocere nelle padelle in ceramica è consigliabile aggiungere una minima quantità di liquido (olio o altro grasso, ma anche semplicemente un filo di acqua). Gli svantaggi, però, esistono: le padelle completamente in ceramica sono molto pesanti e spesso non vanno in lavastoviglie. Per questo spesso si opta per padelle in alluminio solo rivestite in ceramica.

L’antiaderenza della ceramica è generalmente inferiore al Teflon: come detto sopra, bisogna comunque ungerla un po’ per evitare che il cibo si attacchi.

LEGGI ANCHE: Estrattori di succo: 5 cose che devi sapere prima di acquistarne uno!

Padelle antiaderenti in pietra

Le padelle di questo tipo hanno preso piede negli ultimi anni, soppiantando il Teflon e in alcuni casi anche la ceramica. E non a caso. I rivestimenti in pietra lavica o ollare sono ecologici, sicuri e molto resistenti. La pietra inoltre garantisce una totale antiaderenza ed è praticamente impossibile graffiarla con un mestolo.

Altro vantaggio è il tipo di conduzione di calore, prolungato nel tempo: le padelle antiaderenti di questo tipo mantengono la temperatura raggiunta molto a lungo. Per questo, se anche spegnete il gioco qualche minuto prima della fine della cottura, la padella continuerà a cuocere il cibo.

La superficie di queste padelle è più o meno porosa, ma non assorbe odori e non si macchia. Sono padelle ottime per cotture lente e prolungate! Tendenzialmente, però, le padelle in pietra sono più pesanti, soprattutto se parliamo di “vera pietra” e non di solo rivestimento.

LEGGI ANCHE: Pulire lo schermo del computer: gli errori da non fare

Come lavare e scrostare le padelle?

Nelle padelle antiaderenti è difficile far attaccare il cibo! Ma se succede?

Potete provare a rimetterla sul fuoco, fiamma bassa, con un po’ di acqua e aceto o acqua e bicarbonato, e aspettare che i residui di cibo si ammorbidiscano e si stacchino da soli. Un altro metodo efficace al 100% è usare un prodotto sgrassante mirato, come il Lavaforno e Barbecue Mister Magic®.

L’azione pulente di Lavaforno e Barbecue Mister Magic® avviene immediatamente dopo lo spruzzo sul fondo della padella. Quindi non necessita di lunghe attese e può essere utilizzato come pre-trattamento prima del lavaggio vero e proprio. Inoltre, non richiede un lungo risciacquo e non lascia nessun odore.

 

Scopri qui tutti i prodotti della linea Mister Magic

padelle antiaderenti in ceramica

Send this to a friend