pulire l'aspirapolvere 5 step

Pulire l’aspirapolvere: 5 step fondamentali per farlo correttamente

ABC Elettrodomestici
16 Luglio, 2015

L’aspirapolvere è un aiuto ormai insostituibile nelle pulizie di casa e oggi non c’è che l’imbarazzo della scelta sui modelli da acquistare. Tuttavia,  forse non si pensa mai che, per ottimizzarne il funzionamento, è essenziale mantenerlo sempre pulito. Pulire l’aspirapolvere con continuità, poi, diventa determinante se in casa ci sono animali e soggetti allergici. Il consiglio è di pulirlo internamente da peli e polveri almeno una volta al mese.

LEGGI ANCHE: Pulire lo schermo del computer: gli errori da non fare 

I 5 step fondamentali per pulire l’aspirapolvere

  1. Il sacchetto. E’ bene controllarlo settimanalmente, senza mai arrivare a riempirlo al massimo. Il rischio è che si rompa al momento del cambio. Per i modelli che non hanno il sacchetto, è buona norma svuotare il contenitore dopo ogni utilizzo, per evitare che la polvere si annidi proprio nelle parti più delicate. Utilizzate una spugna umida con acqua e aceto per eliminare completamente le tracce di polvere.
  2. Il filtro. Va estratto dall’aspirapolvere e maneggiato con cura, poi scrollate la polvere di troppo e sciacquatelo sotto l’acqua. E’ bene utilizzare solo e soltanto acqua fredda, evitando ogni tipo di detergente, poiché si rischia di rovinarlo e di renderlo inutilizzabile. Successivamente, basta farlo asciugare bene prima di rimontarlo. Per velocizzare è possibile anche usare un asciugacapelli. Tenete presente che i filtri si intasano facilmente, causando diminuzione di aspirazione. Tuttavia, alcuni modelli di nuova generazione hanno un sistema di filtraggio che non necessita della pulizia dei filtri.
  3.  Parti removibili e accessori. Prima di tutto, staccate le partismontabili con molta cura, seguendo il libretto di istruzioni per evitare spiacevoli rotture e inconvenienti. Unitele in una bacinella con acqua e detersivo insieme a tutti gli accessori e lavatele con una spugnetta. Utilizzate la parte abrasiva della spugnetta per eliminare eventuali graffi e segni sulla plastica. Sciacquate e lasciate asciugare.
  4. Il motore di aspirazione. Se il vostro modello vi consente, smontandolo, di accedere al motore dell’aspirapolvere, potete aspirare la polvere eventualmente presente. Il consiglio è quello di fare questa operazione con un altro aspirapolvere, possibilmente con un tubo al posto della classica spazzola. Questo tipo di pulizia non sempre è essenziale, valutate voi se è proprio il caso di affrontarla!
  5. Il filo. Anche lui ha bisogno di una bella passata con la spugnetta umida. Oltre a togliere eventuale sporco che non aiuterebbe ad avvolgerlo nel modo corretto, cercate ogni volta che lo usate, di avvolgerlo nel senso contrario. In questo modo, la gomma che lo ricopre non prenderà quelle brutte pieghe che poi rischiano di lacerarsi col passare del tempo.

LEGGI ANCHE: Ferro da stiro: come scegliere quello giusto!

 

Send this to a friend